venerdì 9 ottobre 2015

Epilogo del corso di acquerello "en plein air" a Carloforte



Epilogo del corso di acquerello "en plein air" a Carloforte, 2/6 ottobre 2015
E’ facile innamorarsi di un isola vulcanica in mezzo al mediterraneo, e così è stato per l’isola di San Pietro. La sua natura così varia e ricca, le sue coste policrome, le saline, i caruggi, la cucina, il suo fiero popolo tabarchino e nuvole di Falchi della Regina sono stati i protagonisti del corso di acquerello che si è svolto a Carloforte tra il 2 e il 6 ottobre 2015. Un grazie di cuore a tutti i partecipanti Angela White, Antje Susanne Rath, Béatrice Walder, Grazia Gallia, Margherita Crasto, Marta Fontana, Paola Ricceri,  Pietro Emanuele Napoli, Selena Ventura, Titino Opisso, Tonia Piras. Un grazie particolare ad Angela per avermi trascinato qui a conoscere la sua splendida isola, e alla amica e straordinaria artista Anne Shingleton che ha impreziosito con la sua presenza le giornate a Carloforte. Un caro saluto a Luisella Valeri, Gerard Mayen amici cari che non hanno potuto partecipare, sperando di rivederli presto magari in questo angolo di paradiso-mediterraneo il prossimo anno.


Angela

Marta

Grazia

Tonia

Béatrice

Titino

Tonia

Angela

Marta

Selena

Paola

Grazia

Tonia

Titino

Paola


Angela

Béatrice

Grazia

Margherita

Paola

Pietro

Selena

Tonia

Béatrice

Grazia

Paola

Tonia

Pietro

Selena


Grazia

Margherita

Titino

Tonia

Paola

Béatrice


Da sinistra: Beatrice, Paola, Tonia, Grazia, Angela e Margherita

Anne Shingleton

2 commenti:

  1. Dear Lorenzo Dotti,

    I am a third year biology student at the University of Manchester in the United Kingdom. I am currently writing my third year dissertation on the topic of orchids. Whilst searching for images to use in my dissertation, I came across your amazing illustrations of different orchid species. Would it be possible for me to include a selection of these illustrations in my dissertation? I will reference your name in the legend for each figure and include a link to this blog.

    Thanks,
    Harriett Gaynor

    RispondiElimina