sabato 26 marzo 2016

Monferrato tra colline e risaie




Monferrato tra colline e risaie, Edizioni Boreali, 2016                                                   
Otto mesi di intense pennellate

Ho conosciuto Carlo due anni fa tra le spiagge del Po e la risaia durante un corso di acquerello e  sono rimasto colpito dalla sua mano felice e dal suo attaccamento a un territorio, il Monferrato, di cui Carlo conosce tutto, la storia, la gente e la sua ricca natura. Poi Carlo poco meno di un anno fa mi ha coinvolto in questa nuova bellissima avventura: disegnarlo il Monferrato e riportarlo sulla carta ma non per chiuderlo dentro a un quaderno da esporre agli amici, ma per pubblicarlo e raccontare a un pubblico più ampio le sensazioni provate da un illustratore naturalista in questo angolo incantato di Piemonte armato di carta, pennelli, acquerelli e le immancabili birrette.


Sono nate così le Edizioni Boreali di cui Carlo Rosso è la mente e il fondatore, con la volontà di dedicarsi attraverso la pubblicazioni di “carnet, taccuini, quaderni”, alla lettura attenta di luoghi, animali e piante e paesaggi del Piemonte e non solo.

Disegnando lungo il Fiume Po sotto le Rocche di Camino

Il primo Carnet dal titolo “Monferrato tra colline e risaie” contiene oltre 100 acquerelli quasi tutti realizzati sul campo tra giugno 2015 e febbraio 2016, e racconta la striscia di terra e acqua tra Verrua Savoia e Frassineto Po a cavallo tra risaie, il grande fiume Po e le colline del Monferrato.

Fiume Po e risaia da Cantavenna

Abbazia di Lucedio

Vista di Casale Monferrato dal castello
Abbiamo passato insieme giornate intense di acquerellate “en plein air” incuranti della meteorologia e delle zanzare, ma concentrati nel cercare il soggetto giusto, l’inquadratura accattivante che ti fa ballare i pennelli tra le mani, le luci e le ombre migliori. Ho consumato un godet di indaco, uno di seppia, tante matite, carta a sufficienza e tante birrette rinfrescanti che soprattutto nelle lunghe e calde giornate estive ci restituivano energia e voglia di disegnare a oltranza.


Crescentino, Stazione ferroviaria
Fraticello e Sterna comune lungo il Po a Verrua Savoia


Adesso il primo “carnet” è pronto per la stampa, e non vedo l’ora di cominciarne un altro per raccontare altri luoghi  e i suoi abitanti che siano essi lumache, uccelli, fiori, cascine o campanili.
Potete seguirci su Facebook a questo il link: Edizioni Boreali 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento